Simone Vanin

Simone Vanin

Simone Vanin

SOCIAL MEDIA MARKETER

Nella figura di Social Media Marketer si occupa di curare l’immagine aziendale tramite l’utilizzo dei Social Network.


Una grande importanza riveste il Web marketing virale che consiste nel riprodurre i benefici del passaparola tramite la rete internet, il Social Media Marketer realizza e promuove ogni singolo aspetto della campagna pubblicitaria.


Prima di viralizzare una campagna, bisogna conoscere bene cosa vogliamo comunicare all’esterno e farci un piccolo piano di lavoro per poter garantire un risultato in linea con le aspettative di quanti entrano in questa realtà e attingono ad essa per sponsorizzare la loro attività e i prodotti/servizi.
La condivisione di contenuti riveste un ruolo molto importante, in quanto da essa si genera una potenziale rete di interesse sull’argomento trattato.
Il Social Media Marketer è responsabile di ogni aspetto relativo alla realizzazione e sponsorizzazione della campagna pubblicitaria e monitora di volta in volta i risultati, per garantire la massima efficacia del piano web marketing realizzato.


Il Web marketing virale non si contrappone alle regole del marketing tradizionale, si inserisce nelle campagne pubblicitarie, in cui si integra perfettamente e viene utilizzato per lanciare i vari articoli o per testare i bacini d’utenza potenziale di nuovi servizi.


Capita spesso di trascurare dettagli che all’occorrenza diventano fondamentali per realizzare e successivamente sponsorizzare le varie campagne pubblicitarie; il concetto essenziale che è alla base di ogni progetto è la riuscita dello stesso, con la formula comunicativa più adatta al proprio target e con l’utilizzo degli strumenti più idonei per ottenere un risultato di qualità.


Una regola importante e da prendere in considerazione nella creazione della campagna pubblicitaria è la coerenza dell’informazione che, successivamente, verrà percepita all’esterno.
Bisogna sempre prendere in considerazione che la pubblicità informa, persuade, seduce il target di riferimento ed è ritenuta corretta se fidelizza l’utente finale in base a ciò che va a colpire, cioè: l’esigenza reale del bene o servizio in questione.


Creare banner o altre forme di sponsorizzazione, senza aver fatto un’adeguata analisi del mercato di riferimento, costituisce una perdita sia di tempo che di denaro, alla luce di risultati scarsi e poco raccomandabili per il fine perseguito.